I video che vuoi

Loading...

sabato 14 marzo 2015

SCUOLA: ‘PERCHÉ MIA FIGLIA È STATA ACCETTATA E MIO FIGLIO AUTISTICO NO?’

fonte pratosfera.com

“Sono la madre di un ragazzo autistico. Ho appena iscritto mio figlio al Liceo artistico Brunelleschi di Montemurlo, ma non lo hanno accettato o meglio la sua accettazione è condizionata alla creazione di una nuova classe. E io ho bisogno di capire perché. Anzi, ho il diritto di sapere quali sono i criteri che hanno portato a questo no. Abbiamo chiamato non so quante volte io e mio marito, ma il preside Gaetano Flaviano, nonostante abbia dichiarato a mezzo stampa di essere aperto e disponibile verso i genitori, si nega e la responsabile del sostegno idem. Siamo di fronte a un vero e proprio muro di gomma”.
Eva Maggiorelli, mamma di tre figli e presidente dell’Associazione Orizzonte Autismo Onlus, non ci sta. “A rendere il tutto alquanto insolito – spiega – è il fatto che le Brunelleschi abbiano invece accettato Maria, l’altra mia figlia, e non suo fratello Nico. Nelle graduatorie che stabiliscono l’ammissione a scuola, i ragazzi con certificato di disabilità partono già per legge con dei punteggi precisi, ai quali vanno aggiunti quelli stabiliti da criteri uguali per tutti – racconta -. Va da sé, dunque, che è molto difficile che restino tagliati fuori proprio dei disabili. Se poi si considera che i miei figli hanno addirittura il padre che lavora a Montemurlo e che dunque garantisce loro ulteriori punti, il mistero si infittisce: perché Maria sì e Nico no?”. Un diniego, poi, che nessuna mail ufficiale ha comunicato a Eva, la quale ha saputo della risposta solo consultando il sito del Ministero dell’Istruzione. “Altre famiglie di amici – precisa – hanno ricevuto la mail della scuola con la risposta. Noi no. Per nessuno dei due figli. E questo è alquanto strano. Ma non voglio pensar male. Voglio solo parlare con il dirigente scolastico in modo da avere spiegazioni”.

Eppure parlarci sembra una missione impossibile. “Abbiamo telefonato, ho inviato mail e anche una Pec: nulla. Le poche cose che so, me le hanno confidate sottovoce alcuni impiegati impietositi – continua Eva Maggiorelli -. In base a quanto emerso, pare che i bambini con disabilità che hanno richiesto l’iscrizione al Liceo artistico siano 10 e che, avendo 5 classi, ne abbiano accettati soltanto 5, uno per classe. Ora, io mi rendo conto che dietro possano esserci esigenze complesse dell’istituto e che dunque la dirigenza sia stata costretta a fare scelte così drastiche, ma parliamone. E invece no, omertà pura. Ma io non mi arrenderò. Ho diritto di sapere e andrò fino in fondo”.

1 commento:

mariopiovano ha detto...

LA VERGOGNA PIU' ASSOLUTA PER CIO' CHE COMMETTONO EVIDENTEMENTE NON AFFLIGE LE ISTITUZIONI,
QUESTO AGIRE CONTRO I NS FIGLI ED I LORO GENITORI E' DA TERZO MONDO. EMBLEMATICII GLI ATTI DI VOLER SCARICARE SULLE FAMIGLIE PARTE DEGLI ONERI ASSISTENZIALI.CON LA PRETESA DI FARE TAGLI SUI NOSTRI DRAMMI ED OVVIAMENTE CONTINUARE A GESTIRE ALLO STESSO MODO TUTTO IL RESTO.

Posta un commento