giovedì 19 marzo 2015

Autismo, primo ok dal Senato

Al di là di un certo trionfalismo che si coglie in rete credo che valga la pena informare correttamente sul punto in cui è giunto l'iter legislativo della legge sull'autismo. 
Questo articolo, pubblicato da una fonte sicuramente autorevole, aiuta a capire meglio la realtà. Ho volutamente grassettato alcune parti.

19 marzo, fonte Avvenire

Interventi finalizzati a garantire la tutela della salute, il miglioramento delle condizioni di vita e l’inserimento nella vita sociale e lavorativa delle persone con disturbi dello spettro autistico. Sono le misure previste dal disegno di legge sull’autismo approvato ieri in sede deliberante e all’unanimità dalla Commissione sanità del Senato.
Nel testo si provvede innanzitutto «all’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, con l’inserimento, per quanto attiene ai disturbi dello spettro autistico, delle prestazioni della diagnosi precoce, della cura e del trattamento individualizzato, mediante l’impiego di metodi e strumenti basati sulle avanzate evidenze scientifiche disponibili». I centri di riferimento devono «stabilire percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali per la presa in carico di minori, adolescenti e adulti con disturbi dello spettro autistico». Previsti inoltre «l’incentivazione di progetti dedicati alla formazione e al sostegno delle famiglie» che hanno in carico persone con questo disturbo; «la disponibilità sul territorio di strutture semiresidenziali e residenziali accreditate, pubbliche e private, con competenze specifiche in grado di effettuare la presa in carico di soggetti minori, adolescenti e adulti; la promozione di progetti finalizzati all’inserimento lavorativo di soggetti adulti con disturbi dello spettro autistico,che ne valorizzino le capacità».
Ora il provvedimento va calendarizzato da parte della Camera, ha spiegato il relatore Lucio Romano, che si è augurato una rapida approvazione. «È un primo passo importante - ha sottolineato l’altra relatrice Venera Padua -, finalmente si parla in una norma di una problematica che interessa sempre più bambini e bambine ». Da adesso, ha dichiarato il sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, «guardando la legge nel più generale impianto dei nuovi Livelli essenziali di assistenza, le Regioni non avranno più scuse per attuare i servizi territoriali e sociali». L’esponente di governo, presente alla conferenza stampa in Senato sullo specifico Ddl, ha anche confermato «il lavoro di affiancamento del ministero », al fine di «dare a questa legge sull’autismo l’importanza che merita». L’approvazione di questo disegno di legge, ha sottolineato il senatore del Pd Raffaele Ranucci, che nel 2013 presentò un disegno di legge per la cura e la tutela delle persone con questo problema, «è un’ottima notizia ed un segnale di civiltà importante per tutti noi. La sintesi raggiunta dopo un lungo e ponderato lavoro in Commissione prelude ad una legge giusta per tutti i cittadini affetti da autismo e per i loro familiari».
Per Maurizio Romani (Gruppo Misto), però «è pronta» solo «la cornice. Adesso bisogna riempirla di contenuti e risorse. Ho votato a favore del testo – ha spiegato – con la speranza che alla Camera si intervenga con le opportune e necessarie integrazioni ». Secondo il vicepresidente della commissione Sanità di Palazzo Madama, infatti, «il ddl, così com’è, contempla solo l’aggiornamento delle linee guida da parte dell’Iss e quello dei Lea da parte del ministero della Salute. Non ci sono gli interventi che avrebbero potuto cambiare la vita di queste persone e delle loro famiglie. A cominciare dal riconoscimento del carattere permanente della patologia e dal tema dell’inclusione scolastica». 

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Gianfranco. ho letto l'articolo di Fabio Brotto che hai pubblicato stamattina sul sito. Lo condivido appieno, non capisco come ci si possa compiacere che palazzo Montecitorio il 2 aprile sarà illuminato di blu. Come sempre è il trionfo dell'ipocrisia e purtroppo non solo quello della politica. Fabrizio

mariopiovano ha detto...

FABRIZIO SONO CON TE, NON VEDO MOTIVO PERCHE' LE ISTITUZIONI FINGANO DI ASSOCIARSI AI NOSTRI DOLORI, QUANDO IN REALTA' CE LI
AUMENTANO PIU' CHE POSSONO.MARIO

Gianfranco Vitale ha detto...

E pensate che in queste ore impazzano sulla rete i post (naturalmente soprattutto delle associazioni) che si compiacciono che Montecitorio si illuminerà di blu il 2 aprile... Il trionfo dell'ipocrisia (o del grottesco?),
Ciao Fabrizio, ciao Mario

Posta un commento