venerdì 14 dicembre 2018

Presentazione Audiolibro

Torino – via Bogino 9
+39 011 432 68 27
info@circololettori.it




Leggi tutto...

martedì 30 ottobre 2018

Autismo, Batzella (Mli): “Gravi problemi per i malati e le loro famiglie”

fonte torinoggi.it

“La Regione rispetti i loro diritti e intervenga perché le Asl osservino la normativa”


“Oggi in Commissione Sanità abbiamo ascoltato la presidente del Coordinamento Autismo Piemonte, che ha sottoposto alla nostra attenzione i gravi problemi che riguardano le persone affette da autismo e le loro famiglie. Il quadro emerso è molto preoccupante: nonostante esista una chiara normativa nazionale e regionale sui disturbi dello spettro autistico, le Asl continuano a non applicarla e le famiglie si sentono completamente abbandonate a loro stesse”. Lo afferma la consigliera regionale di Movimento Libero Indipendente, Stefania Batzella, che si è sempre occupata con grande sensibilità di questo tema. A marzo 2016 aveva anche presentato una mozione sulla riorganizzazione dell’attività clinica piemontese relativa ai disturbi dello spettro autistico in età adulta.
Leggi tutto...

martedì 25 settembre 2018

La stanza speciale multisensoriale aiuterà gli autistici Dono di Ausilia

Fonte “lasentinella.gelocal.it”

Dalla onlus 25mila euro Sarà attiva nel Centro diurno nell’ex ospedale Nubola.  Spazio ricreativo, rilassante studiato per i bisogni psichici 

Grazie a una generosa donazione di 25mila euro dell’associazione Ausilia onlus, sodalizio nato a Torino nel 2013 che lavora in rete e concretizza i propri progetti di solidarietà sociale collaborando con enti ed associazioni che già dimostrano di saper fare bene, l’Asl To4 realizzerà una stanza multisensoriale nell’ambito del Centro diurno aziendale per adulti con autismo che avrà sede nel presidio sanitario di Castellamonte. Il progetto è stato presentato durante la serata di solidarietà “Aiutaci ad aiutare” organizzata da Ausilia lunedì alla reggia di Venaria Reale. 
Leggi tutto...

venerdì 6 luglio 2018

COMUNICAZIONE UTENTI TORINO E PROVINCIA

Ciao Gianfranco,

sono Marica Caporali. Ti inoltro il progetto riferito ai nostri ragazzi autistici del CAD di Ciré "Arcobaleno in Fiore", via Torino 9, Ciriè (Torino). La referente del centro è Eva Circhirilli (366 2319210)
Ti sono veramente grata se riesci a spargere un po' la voce. Il progetto è stato seguito dal dottor Keller e Angsa Torino.
Per visualizzare  brochure e...

e... carta servizi cliccare sui rispettivi link
Leggi tutto...

martedì 13 marzo 2018

Autismo in eta' adulta, un Centro diurno

fonte "La Sentinella del Canavese" del 12-03-2018

CASTELLAMONTE. Sempre più servizi per l'ex ospedale Nubola di Castellamonte. Un altro, importante, infatti, è in arrivo. Su iniziativa dell'Asl/To4 e del direttore generale, Lorenzo Ardissone, è stato dato il via all'iter burocratico per la realizzazione di un Centro diurno per soggetti adulti affetti da disturbo dello spettro autistico. Centro che sarà ospitato proprio nei locali dell'ex ospedale, al secondo piano del Nubola, nell'ala di più recente costruzione. 
È una novità significativa e una risposta alle esigenze del territorio e soprattutto delle associazioni delle famiglie con malati, come l'Angsa. Il progetto di massima è stato elaborato dalla dottoressa Antonella Molinaro, responsabile del Csm di Ivrea, in collaborazione con la dottoressa Lavinia Mortoni, direttrice del distretto di Cuorgnè.
Leggi tutto...

venerdì 9 marzo 2018

Autismo: si lavora per dare nuove risposte residenziali e progettuali

8 Marzo, fonte torinoggi.it
Alla presenza dell’assessora Sonia Schellino, si è svolta in mattinata l’audizione presso la commissione servizi sociali (presidente Antonio Iaria), di Utim, Angsa e Luce per l’autismo, associazioni di tutela delle persone con autismo.

Hanno partecipato l’Asl città di Torino, con Orazio Pirro e Maria Baiona, neuropsichiatri infantili, direttori di strutture complesse, Roberto Keller, psichiatra referente del centro pilota per i disturbi dello spettro autistico, e la direttrice della Divisione servizi sociali del Comune di Torino, Monica Lo Cascio.

I rappresentanti delle associazioni hanno rappresentato un quadro ampio di problemi. Tra tutti, la carenza di strutture in città, che obbliga ad accettare inserimenti anche a 100 chilometri da Torino, un’interpretazione penalizzante delle norme sulla contribuzione economica da parte delle famiglie, la scarsità di progetti individualizzati realmente riabilitanti.
Lo Cascio ha annunciato che sono in fase di valutazione circa 120 nuovi posti di accoglienza a carattere comunitario in Città. Un gruppo appartamento della fondazione Teda in via XX Settembre (12 posti) dovrebbe essere tra i primi a partire.


Iaria si è impegnato “a valutare la possibilità di reperire nuovi spazi a Torino e sul territorio metropolitano per andare incontro alle richieste delle famiglie”.


Leggi tutto...