I video che vuoi

Loading...

giovedì 4 giugno 2015

Bimba disabile, i vicini negano l’ascensore

fonte ilrestodelcarlino.it

La rabbia è durata lo spazio di una sera, l’incredulità e la delusione invece non trovano modo di andarsene. I genitori di Isabella, una bambina di 11 anni affetta da una gravissima disabilità dalla nascita, ancora non riescono a crederci: l’assemblea del condominio del loro palazzo, che riunisce sette civici in zona Pilastro, ha detto no ai lavori di ampliamento dell’ascensore necessari per far entrare la nuova sedia a rotelle di Isabella, che abita con la famiglia a un piano alto.
I favorevoli sono stati 38, su un totale di 63 presenti (comprese le deleghe). Non abbastanza, però, perché secondo la normativa sarebbe servita la maggioranza dei millesimi di tutti i condomini, che sono 98. Dunque, delibera respinta. E addio ascensore nuova per Isabella che, contrariamente a tutte le aspettative di medici ed esperti, continua a crescere e a vivere la sua esistenza molto speciale, accudita dalla famiglia. Fosse passata, la spesa ripartita tra tutti sarebbe stata tra i 118 e i 128 euro a condomino. Una cifra importante, certo, ma sicuramente alla portata e ben inferiore a quelle di altri lavori che gli inquilini dei sette civici si erano divisi in passato.

A far più male sono soprattutto gli stralci della discussione in assemblea, dove sono state verbalizzate le obiezioni alla proposta (con un linguaggio decisamente più edulcorato, secondo quanto riportato dai presenti): «L’ascensore è a servizio di un’unica scala e quindi la spesa deve essere ripartita per scala», spiega un condomino, chiedendo che a pagare siano solo quelli del civico interessato e ricordando anche «di aver verificato su internet che l’ascensore è in regola per l’accesso di sedie a ruote e quindi non si possono inseguire tutte le situazioni». Un altro se la prende con la famiglia: «Se aveva le misure dell’ascensore, perché non ha preso una carrozzina che potesse entrare?». Una terza ha aggiunto: «Se la situazione della bambina si dovesse modificare, cosa facciamo? Torniamo a fare altre spese?». Parole che hanno lasciato di stucco il padre di Isabella, presente in assemblea.
Ferito due volte: dentro, perché tra chi ha votato contro c’era tanta gente che considerava degli amici e che ogni giorno si ferma a salutare Isabella; e nella realtà, dato che per la rabbia ha tirato un pugno contro un armadio. La famiglia si è sfogata su Facebook, dove esiste un gruppo a sostegno della onlus creata dai genitori per raccogliere fondi a favore della figlia, che deve andare spesso all’estero per curarsi: «Avessero avuto gli attributi di dirci che non hanno i soldi, avremmo capito, ma attaccarsi a queste stupidaggini ci ha fatto molto male», scrive la madre. «Non ci aspettavamo tanta pochezza, soprattutto perché l’intervento era a favore di una creatura innocente che non ha mai fatto uno sgarbo a nessuno, che se sta bene regala sorrisi a tutti, che sta pagando un prezzo altissimo per una colpa non sua».
I lavori all’ascensore, comunque, si faranno lo stesso. «A spese nostre», assicurano i genitori, anche se alcuni condomini che avevano dato il loro ok alla proposta, daranno vita a una colletta. «Sarei tentata di augurare a chi si è opposto di trovarsi nella nostra stessa situazione, ma so che Isabella non lo farebbe mai», conclude la madre.


Nessun commento:

Posta un commento